Edizione di venerdì 20 aprile 2018 | Notizie Fan - Redazione - Contatti - Note legali

Lucca: la aggredisce, la cosparge di benzina e le dà fuoco. Arrestato l’ex fidanzato

E’ accaduto a Lucca, nei pressi dell’ex ospedale Campo di Marte: una 46enne, Vania Vannucchi, è stata aggredita da qualcuno che l’ha cosparsa di benzina e poi le ha dato fuoco. Subito soccorsa e trasportata in ospedale, ha fatto il nome dell’ex fidanzato, che è stato arrestato

Lucca: la aggredisce, la cosparge di benzina e le dà fuoco. Arrestato l'ex fidanzato

Aggredita, inzuppata di benzina dalla testa ai piedi e poi bruciata: è quanto capitato ad una donna lucchese, Vania Vannucchi di 46 anni, dipendente di una cooperativa che collabora con l’Asl. L’orribile fatto è accaduto in una zona esterna dell’ex ospedale Campo di Marte della città toscana; ricoverata in terapia intensiva presso l’ospedale Cisanello di Pisa con ustioni sul 90% di tutto il corpo, ai soccorritori ha fatto il nome del suo ex fidanzato, Pasquale Russo, coetaneo, arrestato dalla polizia dopo un lungo interrogatorio in questura. Russo ha ammesso di aver avuto una relazione con la donna, ma ha negato tenacemente di averle dato fuoco, ma un’ustione sul braccio lo ha tradito. La Vannucchi e Russo sono arrivati sul luogo del tentato omicidio in auto, forse si erano dati un appuntamento; quando le fiamme si sono sviluppate, appiccate dal Russo dopo averle gettato della benzina che era dentro una tanica che aveva nascosto in auto, la donna ha iniziato a correre e a chiedere aiuto, mentre l’uomo fuggiva.

I soccorsi e l’arresto
Russo, pur essendo sposato e padre di tre figli, aveva intrecciato una relazione con la donna, la quale però lo aveva lasciato da qualche tempo, ma lui non si dava pace. A dare un primo sommario soccorso alla vittima sono stati alcuni operai che stavano lavorando lì vicino e che le hanno gettato subito addosso dell’acqua. All’arrivo dei soccorritori, è stato necessario sedare la Vannucchi, completamente sotto shock; mentre la soccorrevano, ha continuato a ripetere il nome del suo aggressore. La donna è molto conosciuta all’ospedale di Lucca dove lavora come barelliera, ma da qualche tempo aveva chiesto ed ottenuto il trasferimento al nosocomio di Pisa; anche Russo aveva lavorato con lei ed era così che si erano conosciuti. Al momento, le condizioni della quarantenne sono gravissime.

Lascia un commento