Edizione di venerdì 20 aprile 2018 | Notizie Fan - Redazione - Contatti - Note legali

Donald Trump e Barack Obama, primo faccia a faccia. Tanti cambiamenti in vista

Incontro tra il Presidente uscente Barack Obama e il neo eletto Donald Trump. Avvenuto alla Casa Bianca, l’appuntamento ha avuto esiti positivi. Eccellente conversazione. L’obiettivo principale, collaborare per il bene degli Americani. Primo faccia a faccia, i due Presidenti non si erano mai conosciuti

Donald Trump e Barack Obama. Primo faccia a faccia. Tanti cambiamenti in vista

Non si erano mai incontrati, mai conosciuti, ma adesso l’incontro era inevitabile. Il neo Presidente americano Donald Trump incontra il Presidente uscente Barack Obama. L’appuntamento avvenuto alla Casa Bianca, ha avuto un esito alquanto positivo. La conversazione prevista di 30 minuti si è prolungata per un’ora e mezza. Diversi i temi toccati. «Eccellente conversazione, vogliamo e faremo di tutto perché lui e la moglie si sentano benvenuti e perché riescano al meglio nel loro compito, sono stati discussi temi importanti», ha dichiarato Obama. «La cosa fondamentale è restare uniti», ha ribadito il Presidente Trump. Il primo passo è stato fatto proprio dopo questo incontro e il Neo Presidente se ne augura tanti altri con l’aiuto del suo predecessore. Oggi è stata anche l’occasione del primo incontro tra Melania e Michelle Obama, che ha accolto la futura first lady facendole fare un tour della dimora in cui la nuova coppia presidenziale dovrà vivere a partire dal prossimo 20 gennaio.

Primo incontro. Non si erano mai conosciuti
Non si erano mai conosciuti il neo Presidente Donald Trump e il suo predecessore Barack Obama. «Non c’eravamo mai incontrati, lo rispetto moltissimo. Abbiamo affrontato temi difficili, ma abbiamo anche parlato degli importanti risultati raggiunti durante la sua amministrazione. È stato un grande onore», ha affermato Trump. Tanti gli obiettivi da raggiungere per il nuovo Presidente Usa. Trump desidera muoversi rapidamente sul fronte tasse e sanità. Vuole smantellare la Dodd-Frank, la legge di riforma di Wall Street approvata nel 2010. La riforma sarà sostituita da politiche pro-crescita.

«L’economia della Dood-Frank non funziona per i lavoratori. I tappeti rossi della burocrazia e le imposizioni di Washington non sono la risposta. La Dood Frank sarà sostituita con nuove politiche che incoraggiano la crescita economica e la creazione di lavoro», ha affermato il Presidente Usa. Trump ha intenzione di ritirare il Paese dagli accordi commerciali e dalle alleanze militari che non ottengano per gli Stati Uniti migliori condizioni, e ha promesso di far cadere sia l’accordo di Parigi per la riduzione delle emissioni di carbonio, che quello stretto dall’amministrazione Obama con l’Iran sul nucleare. Tanti cambiamenti in vista.

Lascia un commento