Edizione di mercoledì 14 novembre 2018 | Notizie Fan - Redazione - Contatti - Note legali

NotizieFan.it

Notizie libere per i fan di un web libero

Canapa: tutto quello che c’è da sapere sulla pianta

La pianta della canapa è un vegetale che, a seconda delle categorie, può diventare un arbusto o erbaccia. Le sue foglie, seghettate e lunghe, possono essere utilizzate anche nell’industria tessile, farmaceutica, cartacea e alimentare

Canapa: tutto quello che c'è da sapere sulla pianta

Tra le molteplici piante medicinali utilizzate anche nell’antichità per la cura delle malattie più leggere, la Cannabis, più comunemente conosciuta come canapa, è l’erba più utilizzata. Il vegetale appartiene alla famiglia delle Cannabacee ma a livello morfologico la canapa è appartenente alle piante legnose o erbacce con fiori poco appariscenti. Tuttavia, i fiori si presentano spesso maschili e/o femminili qualificandosi anche come pianta dioica. Il suo ciclo di vita può durare dai 3 a 10 mesi, ma questo naturalmente dipende anche dalle condizioni ambientali e dalla tipologia.

Infatti, esistono molteplici qualità di cannabis che si differenziano in base alla forma delle foglie, alla sua altezza e alla sua altezza: la radice può arrivare anche ad un’altezza di 80 cm con fitte masse. Le piante hanno poi rami corti, con foglie opposte e picciolate. In alcuni casi le foglie possono diventare anche simili a lanceolate e seghettate. I benefici della canapa sono sempre stati molto ampi, tanto che secondo alcuni studi sembra che assieme ai cereali, la canapa abbia spinto l’uomo preistorico a diventare agricoltore.

I molteplici benefici
Grazie agli studi approfonditi riguardanti non solo la fisionomia, ma anche la fattezza della pianta, si è scoperto come la cannabis possa essere utilizzata in molteplici frangenti: a livello industriale, commerciale, fibre tessili ma anche a livello alimentare. In questo ambito, i semi di canapa sono utilizzati al pari dei semi di lino fornendo grandi aiuti al nostro organismo per prevenire il colesterolo alto, l’asma, l’artrosi anche attraverso il suo olio. Nell’industria tessile, le foglie della canapa vengono considerate più resistenti delle fibre di cotone se lavorate nel minor modo possibile.

La scelta della canapa della produzione tessile è anche una scelta a impatto ambientale minore rispetto alla produzione di cotone: difatti, su quest’ultimo, vengono utilizzati molto spesso anche più pesticidi e fertilizzanti. Sempre più utilizzata nella bioedilizia, la canapa sembra essere anche un sostituto migliore per il cemento e i mattoni poiché funge da biomattone in grado di assorbire l’anidride carbonica.

Un utilizzo più diffuso è anche nella cartoleria: già molto frequenti sono i quaderni, agende, fogli fatti in canapa. Solitamente è un prodotto poco lavorato ma molto resistenti alla pioggia. I suoi utilizzi, tutt’oggi, stanno sempre più portando ad una diffusione in tutto il mondo.